en

Le legionelle e l'ambiente

 

Le legionelle

Legionella pneumophila è stata scoperta per la prima volta nel corso di un'epidemia di polmonite che ha colpito numerosi veterani partecipanti al congresso della " America Legion " del 1976 tenutosi in un hotel di Philadelphia, da cui il nome "malattia del legionario".
Le legionelle sono dei batteri ubiquitari che vivono nell'ambiente idrico (fiumi, laghi, acque termali) e nel suolo. Sono state isolate a temperature comprese tra 6 e 63°C e a dei valori di pH compresi tra 5.4 e 8.1. Le legionelle si moltiplicano preferibilmente fra i 35 e i 45 °C; a partire da 50°C il loro tasso di sopravvivenza si abbassa,e muoiono rapidamente al di sopra dei 60°C. La presenza di protozoi (amebe e ciliati), di alghe verdi e di altre sostanze organiche sembrano favorire la loro sopravvivenza e moltiplicazione. Esiste infatti un parallelismo fisiologico fra l'intracellularità di Legionella nell'ambiente (nei protozoi) e nelle infezioni umane (macrofagi).
Per ragioni epidemiologiche esse sono ricercate soprattutto nei compartimenti idrici creati dall'uomo (circuiti d'acqua calda e fredda, torri di raffreddamento, impianti di condizionamento, umidificatori, fontane ornamentali, apparecchi che sfruttano l'acqua a circuito chiuso, ecc.). Le fonti di infezione per l'uomo sono i sistemi tecnici di edifici altamente contaminati dalle legionelle e che possono produrre degli aerosols. Si è potuto dimostrare che molte fonti, tra cui i sistemi di conduzione dell'acqua negli edifici (rubinetti, docce, ...) sono dei serbatoi importanti per la diffusione della malattia del legionario.

La famiglia delle Legionellaceae comprende attualmente 54 specie di Legionella ufficialmente riconosciute e differenziabili in 70 sierogruppi diversi. Malgrado una ventina di specie siano considerate patogene per l'uomo, la maggioranza dei casi di legionellosi è causata da L. pneumophila e in modo particolare dal sierogruppo 1.

 

Aspetti tecnico-sanitari

Le legionelle sono presenti un po' ovunque nell'ambiente, in modo particolare in acque dolci e terreni umidi, a  concentrazioni molto basse. Esse possono sopravvivere nell'acqua calda a temperature abbastanza elevate: sono in grado di moltiplicarsi fino a 45°C e resistono fino a 65°C .
Le legionelle hanno trovato un habitat a loro congeniale in modo particolare negli impianti ad acqua circolarizzata. Le installazioni a rischio sono soprattutto le torri di raffreddamento, le reti di acqua calda sanitaria associate a elementi che producono aerolsol (per es. docce), vasche di idromassaggio, umidificatori d'aria, fontane ornamentali, reti di acqua fredda (se la temperatura è superiore ai 25°C), attrezzature per le cure dentarie, eccetera.
Nelle installazioni sanitarie è importante mantenere la temperatura dell'acqua calda abbastanza elevata per impedire o limitare la proliferazione di Legionella. Secondo le raccomandazioni dell'UFSP bisognerebbe raggiungere i 65°C al bollitore e almeno 50°C ad ogni rubinetto.
Se un edificio rimane chiuso a lungo o se le installazioni non sono usate molto frequentemente si consiglia di lasciar correre l'acqua calda per qualche minuto prima di servirsene.